sabato 26 novembre 2016

Brentford - Birmingham City 1-2: sconfitta immeritata e classifica sempre peggiore



Solitamente, quando si perde, accade a seguito di una partita giocata male, o gestita nel modo sbagliato.
Quella di ieri, tuttavia, non è una di quelle. Contro il Birmingham i nostri hanno giocato una bella gara, creando occasioni da goal e mettendo in difficoltà un avversario lanciato e quarto in classifica, dopo i 3 punti conquistati a Griffin Park.
Una sconfitta amara e difficilmente spiegabile e che va a completare una due mesi da incubo, in cui si è conquistata una sola vittoria, nel derby contro il QPR, perdendone cinque e pareggiandone due.
Male, malissimo, specie alla luce di una classifica che, seppur non ancora preoccupante, pone l'obbligo di fare attenzione. Il campionato è ancora lunghissimo, ma, in un torneo come la Championship, è fin troppo facile farsi risucchiare in un tunnel negativo che può portare a complicarsi fin troppo la vita. Sabato prossimo si va a Carrow Road, ad affrontare una squadra, il Norwich, che viene da un periodo, se possibile, peggiore del nostro. Ripartire è d'obbligo!

C'MON BEES!





Al termine della gara, uno sconsolato Dean Smith ha rilasciato le seguenti dichiarazioni al Bees Player: "Non riesco, seriamente, a spiegarmi come si sia potuta perdere questa partita.
Sono dispiaciutissimo e frustrato, ma soddisfatto della prestazione.
I ragazzi hanno giocato molto bene e il Birmigham ha saputo sfruttare bene le occasioni avute.
Se rigiocassimo questa gara dieci volte, la vinceremmo nove.
Purtroppo, a cambiare la partita sono stati pochi momenti.
Un tocco molle, un passaggio superficiale e non siamo riusciti a reagire velocemente al loro rigore.
Considerando come abbiamo giocato negli ultimi due impegni, dovremmo essere qui a commentare la conquista di sei punti.
Purtroppo, ne abbiamo presi 0; questa è la Championship.
Sono uscito dal campo molto, molto dispiaciuto, ma i tifosi ci hanno accompagnato fuori dal campo tra gli applausi perché abbiamo giocato bene.
Ciò che non ha funzionato, oggi, per noi, è solo il risultato".

http://www.bbc.com/sport/football/38035225
http://www.brentfordfc.co.uk/news/article/2016-17/dean-smith-brentford-birmingham-city-sky-bet-championship-3438748.aspx

sabato 19 novembre 2016

Blackburn Rovers - Brentford 3-2: tre goal quasi regalati costringono le Bees ad una sconfitta dura da digerire



Sconfitta meritata e che fa male, per varie ragioni.
Innanzitutto, passare in vantaggio ad una manciata di secondi dall'inizio è un plus non indifferente e sprecarlo lascia sempre l'amaro in bocca.
In secondo luogo, concedere tre goal ed una vittoria ad una squadra in grosse difficoltà e che non vinceva da un bel po' denota un approccio superficiale e poco mirato, un qualcosa che in Championship non ci si può proprio permettere. 
Ciò che, sinceramente, lascia un po' così è il fatto che, ciclicamente, si commettano sempre gli stessi errori. Certo, tutte le squadre vincono e perdono, ma viene naturale chiedersi dove potremmo essere, oggi, senza quei maledetti errori difensivi che, di quando in quando, ci costano le partite. La nostra è una squadra tendenzialmente in grado di offrire un bel gioco e di creare tante palle goal a partita. Il fatto che la difesa tenda a trasformarsi in un colabrodo, però, non aiuta.

C'MON BEES!





Il manager Dean Smith, al termine della gara, non ha celato la propria delusione.
Queste le sue parole: "Loro sono stati in grado di difendere la propria area meglio di quanto abbiamo fatto noi, nel primo tempo, e questa è stata la reale differenza.
Abbiamo dato loro una grossa mano nel mettere a segno i goal e questo non è da noi.
Venire qui e perdere giocando come abbiamo giocato, fa male".

http://www.bbc.com/sport/football/37958535
http://www.brentfordfc.co.uk/news/article/2016-17/brentford-head-coach-dean-smith-blackburn-rovers-3425224.aspx


sabato 5 novembre 2016

Brentford - Fulham 0-2: brutti ed inefficaci troppo a lungo. Sconfitta meritata



Black-out totale per un tempo e mezzo. La sconfitta di ieri sera potrebbe essere riassunta, più o meno, così. Per una 60ina di minuti circa, i nostri sono stati completamente in balìa dell'avversario, rischiando anche un passivo più pesante. A cambiare il volto alla gara è stata la grande occasione capitata tra i piedi di Clarke. Un po' per la fiducia ritrovata, un po' per chissà cosa, ma il Brentford, da quel momento, ha cominciato a macinare gioco ed occasioni. Troppo tardi, purtroppo. Il goal di Caimey, nel finale, ha spento, definitivamente, ogni speranza, sancendo una vittoria, tutto sommato, giusta e meritata, da parte dei Cottagers.
Vietato fermarsi, di qui in avanti. Sabato prossimo, contro il Blackburn, ci aspettiamo tutti di vedere in campo un Brentford diverso e più combattivo.

C'MON BEES!





Il manager delle Bees, Dean Smith, non ha nascosto la propria delusione, al termine della gara: "E' stata una serata storta, ma la Championship è questa: se non sei al meglio, perdi.
Nel primo tempo, non siamo stati al top e loro hanno giocato meglio.
Troppi giocatori hanno giocato al di sotto delle proprie possibilità e non ci si può permettere qualcosa di simile, a questi livelli.
Prima della partita, avevo parlato ai giocatori, spiegando quanto bene avesse fatto il Fulham, la scorsa settimana, contro l'Huddersfield Town.
Loro hanno giocatori che noi non possiamo permetterci, ma siamo convinti che avremmo potuto essere più competitivi e fare, decisamente, meglio di così".

http://www.bbc.com/sport/football/37795561
http://www.brentfordfc.co.uk/news/article/2016-17/dean-smith-on-brentfords-sky-bet-championship-defeat-to-fulham-3400193.aspx

domenica 30 ottobre 2016

Queens Park Rangers - Brentford 0-2: una prestazione brillante, per rilanciarsi in grande stile!



Ci si aspettava una grande risposta e, puntualmente, è arrivata.
La gara vinta Venerdì sera è di quelle da gonfiare il petto. I ragazzi hanno messo in campo 90' da autentici leoni, in una partita che non è mai una come tante. 
Complimenti a tutti, capaci di rialzare la testa dopo un periodo un po' così.
Ottima la manovra complessiva, nonché la notevole attenzione dimostrata in difesa. Inutile girarci intorno: questo Brentford può, davvero, battere chiunque. Ciò che manca è la continuità. Una volta trovata quella, voleremo. Il punto è: quando la troveremo? La Championship è una categoria durissima, questo è innegabile. Tuttavia, abbiamo più volte dimostrato di poter dire la nostra insieme ai "giganti" presenti nella categoria. La sensazione è che si stia crescendo sempre più, di anno in anno. Chissà che, fra non molto tempo, il sogno della promozione in Premier si trasformi in realtà...

C'MON BRENTFORD!





Il manager delle Bees, Dean Smith, ha così commentato la bellissima vittoria ottenuta a Loftus Road: "Questa vittoria è dedicata ai tifosi. Sappiamo quanto sia stata dura perdere qui, lo scorso anno, ma siamo riusciti a riscattare quella partita.
Ora, possono gioire per quella che è stata davvero una grande prestazione.
Nel primo tempo, siamo stato eccellenti, mettendo in campo una forte intensità sia a livello di pressione, sia di controllo della palla.
Nel secondo tempo, però, siamo stati in grado di mettere in campo ancora più intensità, creando tantissime occasioni da goal".

http://www.bbc.com/sport/football/37724480
http://www.brentfordfc.co.uk/news/article/2016-17/dean-smith-on-brentfords-2-0-win-over-queens-park-rangers-3388488.aspx

domenica 23 ottobre 2016

Brentford - Barnsley 0-2: una partita stregata, condita da errori difensivi importanti


Bruttissima giornata quella di ieri al Griffin Park, dove le Bees sono state battute da un Barnsley cinico e capace di sfruttare al meglio le occasioni capitategli.
Affermare che i nostri abbiano giocato male, o non abbiano creato abbastanza, sarebbe ingeneroso. 
Le occasioni ci sono state e, se analizzate nel complesso, fanno capire come, probabilmente, il risultato di ieri costituisce una punizione decisamente severa per una squadra distratta in fase difensiva, ma assolutamente propositiva dal centrocampo in su.
Occorre dimenticare presto questo brutto passo falso e concentrarsi sui due derby che ci aspettano nei Venerdì a venire.
QPR e Fulham non vivono il loro periodo migliore, ma sottovalutarli sarebbe un errore madornale.
Testa bassa ed umiltà. Sono due caratteristiche che ci distinguono da sempre e che non dobbiamo perdere proprio ora.

C'MON BEES!







Il manager Dean Smith, al termine della gara, non ha nascosto la sua frustrazione per una partita che, con un pizzico di attenzione in più, si sarebbe potuta portare a casa.
Queste le sue parole al Bees Player: "Sono frustrato e dispiaciuto, in quanto abbiamo disputato dei buoni 90'.
E' una partita che avremmo dovuto vincere. Nel primo tempo, abbiamo controllato la palla, senza, però, creare troppe chance. Una nostra disattenzione difensiva ha, poi, portato al loro vantaggio e la cosa che fa pensare è che il loro giocatore ha anche calciato male il pallone, finito, comunque, in rete, Ecco, è stata, esattamente, quel tipo di partita.
Nel secondo tempo, avrei voluto cominciassimo meglio; tuttavia, abbiamo creato parecchie occasioni, nella seconda frazione di gioco, senza sfruttarle adeguatamente.
Ritengo, senza troppi dubbi, che il Brentford sia stata la squadra migliore vista in campo, oggi".

http://www.bbc.com/sport/football/37663412
http://www.brentfordfc.co.uk/news/article/2016-17/dean-smith-reacts-to-brentfords-2-0-defeat-to-barnsley-3378222.aspx


mercoledì 19 ottobre 2016

Derby County - Brentford 0-0: un utile "brodino", dopo la sconfitta di St. James' Park



Gara non esaltante quella di ieri sera contro i Rams, che ha visto le Bees in versione "convalescenti", dopo la strapazzata subita a Newcastle, Sabato.
Ecco, volendo spingerci un po' in là con la fantasia, potremmo descrivere il pareggio di ieri come un brodino quando si ha l'influenza: poco emozionante, ma concreto il giusto per rimettersi in sesto.
D'altro canto, il Brentford visto ieri sera al Pride Park Stadium ha disputato una partita ordinata, in cui ha pensato a non prenderle, prima che a darle, non esimendosi, comunque, dal creare qualche grattacapo alla retroguardia dei padroni di casa. Enorme, ad esempio, è stata l'occasione capitata a Sawyers all'inizio della seconda frazione di gioco. Inoltre, a riprova di quanto detto, va citato anche il rigore, onestamente, piuttosto palese negatoci sul finire della gara, con Sawyers atterrato in maniera scomposta da un difensore avversario.
Certo, al derby va riconosciuto il merito di aver creato le occasioni migliori e di averci fatto tremare i polsi quando, all'ultimo secondo, ha visto negarsi la gioia del vantaggio in extremis solo grazie ad un intervento provvidenziale di Barbet.
Bene così, dunque. La zona play-off è sempre lì e, c'è da esserne certi, contro il Barnsley, Sabato prossimo, vedremo un ottimo Brentford.

C'MON BEES!




Il manager Dean Smith, al termine della gara, ha sottolineato come l'episodio del rigore negato abbia, in qualche modo, lasciato un grande amaro in bocca.
Queste le sue parole: "Penso si possa essere soddisfatti, dato che la squadra ha svolto bene il proprio compito; tuttavia, rimane l'amarezza per il rigore negato che avrebbe, inoltre, portato all'espulsione del nostro avversario.
Ho visto tutta la scena e posso affermare che il braccio di Sawyers è stato tirato, mentre lo stesso si accingeva a calciare. Il rigore era sacrosanto. La loro stessa panchina è apparsa piuttosto incredula per quella che è stata una decisione sbagliata da parte dell'arbitro e del suo assistente e che ci è, probabilmente, costata due punti".
Il manager ha, poi, parlato della gara di Sabato prossimo, che sarà la 4000esima del club nella Football League. "Sarà piacevole tornare al Griffin Park", ha esordito sull'argomento.
"Non vediamo l'ora di scendere in campo, anche se siamo ben consapevoli di quanto pericoloso possa essere il Barnsley. Hanno cominciato la stagione in maniera davvero positiva.
Sarà fantastico tornare a giocare davanti al nostro pubbico. Sarebbe fantastico ottenere una vittoria, prima dei due derby".

http://www.bbc.com/sport/football/37614899
http://www.brentfordfc.co.uk/news/article/2016-17/brentford-head-coach-dean-smith-on-0-0-draw-with-derby-county-3371046.aspx

domenica 16 ottobre 2016

Newcastle United - Brentford 3-1: un Brentford in bambola soccombe al cospetto della corazzata Newcastle



Inutile cercare alibi, o giustificazioni di sorta: il Newcastle, ieri, è apparso di un'altra categoria, riuscendo a "bucare" la nostra difesa in più di un'occasione e mettendoci, costantemente, sotto dal punto di vista del gioco. Ora, occorre capire se quella di ieri sia, semplicemente, stata una giornata storta da parte nostra o se l'avversario fosse, effettivamente, fuori portata.
Onestamente, credo che la verità sia nel mezzo. I Magpies sono una corazzata costruita per riconquistare la loro categoria d'appartenenza. Quella in Championship è solo un'apparizione dovuta ad un incidente di percorso; su questo, non ci piove. Ciò che penso, però, è che i nostri abbiano affrontato la gara con l'atteggiamento sbagliato, risultando, nei 90', molli e rinuncitari.
Avremmo potuto fare meglio, ne sono sicuro. D'altronde, se in un'intera partita abbiamo prodotto un solo vero pericolo, grazie al tiro di Yennaris, risulta evidente che quella al St. James' Park non sia stata la nostra migliore giornata.
L'importante, ora, è ripartire, consapevoli delle nostre, ENORMI, potenzialità!

C'MON BEES!





Il manager Dean Smith, al termine della gara, ha imputato alla poca attenzione in fase difensiva i goal subiti dai padroni di casa.
Queste le sue parole: "Penso che abbiamo cominciato bene la gara. Nei primi 5' abbiamo gestito la palla, mancando, però, l'ultimo passaggio.
Il modo in cui abbiamo subito i goal mi fa, seriamente, storcere il naso.
Sono stati goal evitabilissimi.
Giocare a Newcastle e concedere due marcature come quelle che abbiamo concesso, significa volersi complicare la vita.
Tuttavia, ci sono stati anche elementi positivi nella gara di oggi e dobbiamo trarne degli insegnamenti.
E' solo il modo in cui abbiamo subito goal a non piacermi affatto.
Sono, invece, molto contento del fatto che siamo riusciti a segnare mettendo in atto un qualcosa di provato e riprovato in allenamento".
A chiusura dell'intervista, il manager ha poi voluto rendere omaggio ai tifosi, giunti numerosi da Londra per sostenere le Bees: "Sono stati fantastici", ha affermato. "Li abbiamo sentiti cantare per tutta la partita e ci hanno fornito un supporto impagabile.
Sono solo dispiaciuto del fatto che non abbiano avuto molto di cui gioire".

http://www.bbc.com/sport/football/37593786
http://www.brentfordfc.co.uk/news/article/2016-17/brentford-head-coach-dean-smith-on-defeat-to-newcastle-united-3364311.aspx

domenica 2 ottobre 2016

Brentford - Wigan Athletic 0-0: clean sheet, al termine di una partita dominata per 90'



Il pareggio di ieri va considerato come un passo indietro? A io modesto parere, no.
Il Brentford visto contro il Wigan non solo ha dominato la gara dal punto di vista del possesso di palla, ma ha anche creato occasioni su occasioni, risultando, di gran lunga, l'undici migliore in campo.
Certo, si potrebbe obiettare, partite del genere andrebbero vinte. Purtroppo, o per fortuna, il calcio non è una scienza esatta e ci sta che una partita non si riesca a sbloccare. 
Arrivare alla sfida del St. James' Park con due punti in più sarebbe stato incoraggiante, ma, c'è da giurarlo, non saremo un cliente facile per la corazzata Newcastle.

C'MON BEES!





Il manager Dean Smith, al termine della gara, ha mostrato di aver preso con filosofia questo pareggio.
Queste le sue parole, ai microfoni del Bees Player: "Siamo stati eccellenti nella prima ora ed avremmo dovuto castigarli.
Non siamo stati in grado di capitalizzare e loro hanno difeso con tutti gli uomini a disposizione.
Per tutto il corso della gara abbiamo creato occasioni e siamo risultati la squadra migliore ma, sfortunatamente, non era la nostra giornata. Non siamo stati all'altezza della squadra vista Martedì sera.
Sono contento del fatto che i ragazzi non siano soddisfatti per questo pareggio a reti bianche, nonostante si sia risultati il team migliore per tutto il corso della gara.
Sono contento del fatto che non si sia contenti di questa cosa, in un campionato difficile quale è la Championship.
Abbiamo creato tante occasioni, non capitalizzandole. Tuttavia, la prestazione è stata più che buona".

http://www.bbc.com/sport/football/37458427
http://www.brentfordfc.co.uk/news/article/2016-17/dean-smith-reacts-to-brentfords-0-0-draw-with-wigan-athletic-3341072.aspx


mercoledì 28 settembre 2016

Brentford - Reading 4-1: le Bees mostrano i muscoli e si prendono la quarta posizione in graduatoria!



L'ho scritto qualche settimana fa e lo ripeto con convinzione: porci dei limiti sarebbe inconcepibile.
Questo Brentford ha enormi potenzialità e lo sta dimostrando partita dopo partita. Certo, non è una squadra perfetta e, dunque, non è esente da scivoloni, come quello di Sabato contro il Wolverhampton.
Tuttavia, quando un gruppo è capace di mettere sotto un avversario tosto ed in forma come il Reading, sfoderando una prestazione egregia e depositando la palla in rete ben 4 volte (con almeno altrettante palle goal nitidissime), significa che i mezzi per sognare in grande ci sono.
I goal messi a segno sono stati un tripudio di gioco corale e dimostrano quanto bene stia lavorando il manager sotto il profilo della circolazione del pallone e della coesione tra reparti.
I tre punti conquistati in questo turno infrasettimanale ci regalano uno splendido quarto posto ma, più di tutto, una consapevolezza diversa circa i nostri mezzi.
Sabato, al GP, arriverà il Wigan. Vincere ancora ci permetterebbe di preparare il big match del 15/10 contro il Newcastle con un entusiasmo incredibile.
Tuttavia, è presto per pensarci. Godiamoci il nostro posticino adiacente al podio e proseguiamo umilmente. 

C'MON BEES!





Il manager Dean Smith ha commentato così la splendida vittoria contro il Reading, ai microfoni del Bees Player: "Sono molto, molto contento, in quanto siamo un'ottima squadra e perché abbiamo giocato benissimo, questa sera.
Abbiamo difeso bene e messo in mostra un ottimo stato di forma.
Abbiamo affrontato la gara con concentrazione, energia ed entusiasmo.
Ho voluto operare un bel po' di cambi, questa sera, perché sentivo fosse arrivato il momento di dare una scarica di energia al gruppo.
Penso che l'esperimento abbia funzionato bene, ma che ci siano stati dei momenti in cui i nostri avversari hanno goduto di un possesso di palla prolungato, costringendoci a difendere con attenzione".

http://www.bbc.com/sport/football/37414501
http://www.brentfordfc.co.uk/news/article/2016-17/dean-smith-on-brentfords-4-1-sky-bet-championship-win-over-reading-3333309.aspx

sabato 24 settembre 2016

Wolverhampton Wanderers - Brentford 3-1: risultato severo, ma, complessivamente, giusto



Brutta gara, quella odierna al Molineux. Inutile girarci troppo, intorno: le Bees viste oggi in campo sono sembrate solo lontane parenti di quelle che, qualche giorno fa, avevano strapazzato il PNE al Griffin Park, 
I ragazzi, oggi, hanno messo sul piatto una prestazione molle, povera, decisamente sottotono, rispetto agli standard degli ultimi tempi.
Certo, l'avversario che ci si è trovati di fronte non è stato e non sarà un cliente facile per nessuno, ma si sarebbe potuto fare decisamente meglio. 
La speranza è che si lavori affinché questo rimanga solo un passo falso estemporaneo.

C'MON BEES!





Il manager delle Bees, Neal Ardley, non ha nascosto la sua delusione, al termine della gara.
Queste le sue parole al Bees Player: "Gli abbiamo concesso due goal davvero evitabili.
Dopo 55', se la gara fosse finita allora, avrei ammesso la  superiorità degli avversari. L'impegno profuso da quel momento, però, è stato tanto e la gara sarebbe potuta finire diversamente; tuttavia, quando si concedono due goal di vantaggio diventa difficile recuperare".

http://www.bbc.com/sport/football/37392408
http://www.brentfordfc.co.uk/news/article/2016-17/brentford-head-coach-reflects-on-defeat-at-wolves-3326388.aspx