mercoledì 28 settembre 2016

Brentford - Reading 4-1: le Bees mostrano i muscoli e si prendono la quarta posizione in graduatoria!



L'ho scritto qualche settimana fa e lo ripeto con convinzione: porci dei limiti sarebbe inconcepibile.
Questo Brentford ha enormi potenzialità e lo sta dimostrando partita dopo partita. Certo, non è una squadra perfetta e, dunque, non è esente da scivoloni, come quello di Sabato contro il Wolverhampton.
Tuttavia, quando un gruppo è capace di mettere sotto un avversario tosto ed in forma come il Reading, sfoderando una prestazione egregia e depositando la palla in rete ben 4 volte (con almeno altrettante palle goal nitidissime), significa che i mezzi per sognare in grande ci sono.
I goal messi a segno sono stati un tripudio di gioco corale e dimostrano quanto bene stia lavorando il manager sotto il profilo della circolazione del pallone e della coesione tra reparti.
I tre punti conquistati in questo turno infrasettimanale ci regalano uno splendido quarto posto ma, più di tutto, una consapevolezza diversa circa i nostri mezzi.
Sabato, al GP, arriverà il Wigan. Vincere ancora ci permetterebbe di preparare il big match del 15/10 contro il Newcastle con un entusiasmo incredibile.
Tuttavia, è presto per pensarci. Godiamoci il nostro posticino adiacente al podio e proseguiamo umilmente. 

C'MON BEES!





Il manager Dean Smith ha commentato così la splendida vittoria contro il Reading, ai microfoni del Bees Player: "Sono molto, molto contento, in quanto siamo un'ottima squadra e perché abbiamo giocato benissimo, questa sera.
Abbiamo difeso bene e messo in mostra un ottimo stato di forma.
Abbiamo affrontato la gara con concentrazione, energia ed entusiasmo.
Ho voluto operare un bel po' di cambi, questa sera, perché sentivo fosse arrivato il momento di dare una scarica di energia al gruppo.
Penso che l'esperimento abbia funzionato bene, ma che ci siano stati dei momenti in cui i nostri avversari hanno goduto di un possesso di palla prolungato, costringendoci a difendere con attenzione".

http://www.bbc.com/sport/football/37414501
http://www.brentfordfc.co.uk/news/article/2016-17/dean-smith-on-brentfords-4-1-sky-bet-championship-win-over-reading-3333309.aspx

sabato 24 settembre 2016

Wolverhampton Wanderers - Brentford 3-1: risultato severo, ma, complessivamente, giusto



Brutta gara, quella odierna al Molineux. Inutile girarci troppo, intorno: le Bees viste oggi in campo sono sembrate solo lontane parenti di quelle che, qualche giorno fa, avevano strapazzato il PNE al Griffin Park, 
I ragazzi, oggi, hanno messo sul piatto una prestazione molle, povera, decisamente sottotono, rispetto agli standard degli ultimi tempi.
Certo, l'avversario che ci si è trovati di fronte non è stato e non sarà un cliente facile per nessuno, ma si sarebbe potuto fare decisamente meglio. 
La speranza è che si lavori affinché questo rimanga solo un passo falso estemporaneo.

C'MON BEES!





Il manager delle Bees, Neal Ardley, non ha nascosto la sua delusione, al termine della gara.
Queste le sue parole al Bees Player: "Gli abbiamo concesso due goal davvero evitabili.
Dopo 55', se la gara fosse finita allora, avrei ammesso la  superiorità degli avversari. L'impegno profuso da quel momento, però, è stato tanto e la gara sarebbe potuta finire diversamente; tuttavia, quando si concedono due goal di vantaggio diventa difficile recuperare".

http://www.bbc.com/sport/football/37392408
http://www.brentfordfc.co.uk/news/article/2016-17/brentford-head-coach-reflects-on-defeat-at-wolves-3326388.aspx


sabato 17 settembre 2016

Brentford - Preston North End 5-0: risultato "esagerato", al termine di una partita trascorsa a controllare



Parlare dopo una vittoria così roboante è facile, non lo nego.
Certo, sarebbe ipocrita affermare che la gara di oggi sia stata scevra da imperfezioni. I goal che hanno gonfiato smisuratamente il risultato sono arrivati solo nel finale, al termine di una partita che le Bees hanno giocato bene, m non in maniera impeccabile.
Inutile negarlo: per noi, è un magic moment. Piedi per terra e pedalare, non c'è neanche bisogno di specificarlo, ma non esaltarsi è quasi impossibile. 
Una piccola curiosità: l'ultima stagione in Championship, la rincorsa partì proprio da un exploit contro il PNE (quella volta si giocò a Deepdale), in un freddo Dicembre.
Che i superstiziosi si lascino andare a scongiuri. Personalmente, sono convinto dei mezzi dei nostri.

C'MON BEES!







Il mattatore della gara, Scott Hogan, ha parlato ai microfoni del Bees Player, nel post gara, si è detto molto felice della superba prestazione personale. Queste le sue parole: "Aspettavo da tempo di firmare una tripletta a questi livelli; non ero mai andato oltre la doppietta.
Questo, probabilmente, è il nostro peggior 5-0 di sempre, dato che non abbiamo giocato molto bene, nel secondo tempo.
Nel primo tempo, abbiamo giocato bene, ma i goal hanno cambiato la partita e, onestamente, sono contento di mettere dentro dei goal.
Penso che si sia stati molto bravi  capitalizzare negli ultimi minuti. Abbiamo sfruttato le nostre occasioni ed addormentato la partita".

Il manager Dean Smith, nel dopo partita, ha espresso la propria gioia, pur non esimendosi da un'analisi obiettiva circa l'andamento della gara.
Queste le sue parole: "Penso che la squadra abbia iniziato entrambe le frazioni di gioco in maniera pigra. Una piccola parte di me pensava che sarebbe potuto accadere, a causa dell'impegno infrasettimanale contro i Villans.
Sulle prime, siamo apparsi stanchi, ma siamo cresciuti ed abbiamo fatto la nostra partita".

http://www.bbc.com/sport/football/37325131
http://www.brentfordfc.co.uk/news/article/2016-17/brentford-scott-hogan-on-preston-north-end-win-3313449.aspx

giovedì 15 settembre 2016

Aston Villa - Brentford 1-1: un grande Brentford, in un match che profumava di Premier League



Quello di ieri sera è un punto importante, ottenuto su un campo che fa tremare le gambe.
L'apparenza non inganni: l'Aston Villa è in difficoltà, ma rimane una delle corazzate della categoria e questo regala un sapore diverso al pareggio guadagnato ieri, nonché alla prestazione convincente che è stata fornita.
Il Brentford visto al Villa Park si è mostrato coeso, compatto e maturo e, con un pizzico di fortuna in più, avrebbe potuto portare a casa il bottino pieno.
Insomma, una serata che conferma il trend positivo di questo inizio di campionato che, attualmente, ci vede, dopo 7 giornate, a ridosso della zona play-off, a soli 5 punti dal primo posto.
Certo, molte delle squadre favorite per lottare per la promozione stanno faticando e, probabilmente, si riprenderanno di qui a breve. Tuttavia, mi piace pensare che nel calcio nulla sia impossibile, specie parlando della Championship.
I prossimi 4 impegni, rispettivamente contro PNE, Wolverhampton, Reading e Wigan, ci vedranno impegnati contro squadre, attualmente, in seria difficoltà. Saranno quattro test che ci diranno molto circa le potenzialità del nostro gruppo e che faranno da preludio alla gara, all'apparenza proibitiva, contro il Newcastle a St. James' Park.
Arrivare a giocarsi quel match con 10-12 punti in più, darebbe un'indicazione precisa della strada da seguire in questo campionato.
Step by step.

C'MON BEES!




Il Manager Dean Smith, al termine della gara, si è mostrato radioso per la bella gara disputata dai ragazzi.
Queste le sue parole: "Sono felicissimo. Nel secondo tempo, siamo stati pazzeschi. Nella seconda metà di gioco abbiamo dominato, concedendo loro giusto un paio di possibilità.
Loro hanno cominciato la gara in maniera fantastica, mettendoci in difficoltà. Non siamo stati perfetti in occasione del goal, ma possiamo affermare che è il frutto di un esborso di £15 milioni.
Abbiamo avuto parecchie occasioni, negli ultimi scampoli di primo tempo, ma non siamo stati concreti nel finalizzare.
Nel secondo tempo, abbiamo dominato".
Il Manager ha chiuso l'intervista con un pensiero sul nostro prossimo avversario, il Preston North End: "Non esistono partite facili; veniamo da due trasferte terribili, ma ho visto il Preston ieri sera contro il Cardiff e sono stati eccellenti, battendo i gallesi con un netto 3-0.
Tuttavia, se la nostra prestazione sarà sui livelli attuali, non dovremo temere.
Vogliamo che Griffin Park diventi il nostro fortino, un qualcosa che siamo riusciti a mettere in pratica, fino ad ora".



http://www.bbc.com/sport/football/37293369
http://www.brentfordfc.co.uk/news/article/2016-17/brentford-head-coach-dean-smith-speaks-after-1-1-draw-with-aston-villa-3308329.aspx


sabato 10 settembre 2016

Brighton and Hove Albion - Brentford 0-2: prestazione convincente e vittoria fondamentale




Tre punti su un campo non facile e ottavo posto in classifica, a solo due punti dal Newcastle, secondo. Parlando chiaramente, tolto il sorprendente Huddersfield, a punteggio quasi pieno, le altre sono tutte lì, alla nostra portata. Onestamente, in questo momento, non potremmo desiderare di meglio.
Se, a tutto questo, si aggiunge il riscatto di Hogan, il quadro che ne viene fuori è assolutamente perfetto.
Fissare un obiettivo, ad oggi, è difficile. Ciò che, responsabilmente, verrebbe da dire è che dobbiamo pensare a salvarci il prima possibile; francamente, in un campionato pazzo come la Championship, penso non ci si debba porre troppi limiti.
La squadra sta trovando una sua quadratura e migliorando sotto tutti i profili. Andiamo avanti così e pensiamo a portare via più punti possibile. Potremmo rimanere sorpresi dalle nostre capacità.

C'MON BEES!



                                 


Al termine della gara, il manager Dean Smith ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: "Siamo stati eccellenti nei movimenti senza palla e abbiamo fatto in modo che un'ottima squadra come il Brighton non riuscisse a produrre più di un paio di occasioni.
Abbiamo pressato benissimo e concesso poco".
Il manager si è detto fiducioso anche sulla prossima gara contro l'Aston Villa: "Giocando così, potremo portare via una vittoria.
La prestazione odierna ci regala tanta fiducia, avendo battuto una delle formazioni più forti in categoria".

http://www.bbc.com/sport/football/37263404
http://www.brentfordfc.co.uk/news/article/2016-17/brentford-head-coach-dean-smith-brighton-and-hove-albion-3300805.aspx




domenica 28 agosto 2016

Brentford - Sheffield Wednesday 1-1: beffa finale, ma gara dai due volti



Il modo in cui si è subito il goal del pareggio, ieri, non inganni: la nostra partita non è stata positiva.
Le Owls hanno imposto il loro gioco per buonissima parte della gara, riuscendo a mettere in difficoltà i nostri nella propria trequarti, grazie, soprattutto, alle prestazioni superbe di Lucas Joao e Forestieri.
In più di un'occasione, gli ospiti avrebbero potuto portarsi in vantaggio e questo non è un elemento da sottovalutare. Dal punto di vista di gioco, i 90' di ieri hanno mostrato una lieve involuzione rispetto alle gare precedenti, un qualcosa su cui il manager Smith dovrà lavorare in settimana.
Il nostro ritmo è decisamente cambiato dopo il fortunoso goal con cui ci siamo portati in vantaggio al 54'. Da quel momento in poi, un galvanizzatissimo Vibe ha trascinato la squadra, creando situazioni interessanti e rischiando lui stesso di mettere dentro il goal del raddoppio.
Prendiamo questo punto, dunque, con un pizzico di rammarico per il modo in cui è maturato - vincendo, ci saremmo ritrovati ad occupare una suggestiva terza posizione, seppur in condivisione con altre cinque squadre - ma stiamo attenti a fare in modo che le prestazioni tornino al livello delle settimane scorse.
Ci attendono due trasferte durissime a Brighton e Birmingham, contro l'Aston Villa.
Servirà ben altro Brentford per portare a casa punti.

C'MON BEES!





Il manager Dean Smith, al termine della gara, ha manifestato sentimenti contrastanti rispetto al pareggio maturato contro il Wednesday.




Queste le sue dichiarazioni, rilasciate al Bees Player: "Provo emozioni contrastanti al momento, in quanto, nel primo tempo, abbiamo giocato davvero male.
Se qualcuno mi avesse offerto un punticino, alla fine del primo tempo, lo avrei accolto di buon grado, ma rimane il rammarico per aver concesso un goal a tempo, praticamente, scaduto.
Abbiamo avuto buone occasioni nel secondo tempo, ma non avremmo dovuto giocare così male nel primo.
Abbiamo commesso errori grossolani e i calciatori non hanno comunicato tra di loro".

http://www.bbc.com/sport/football/37138607
http://www.brentfordfc.co.uk/news/article/2016-17/dean-smith-reflects-on-brentfords-1-1-draw-with-sheffield-wednesday-3276278.aspx


lunedì 22 agosto 2016

Rotherham United - Brentford 1-0: una prestazione eccelsa non basta per evitare la sconfitta



Ci sono partite in cui la porta avversaria sembra stregata.
L'incontro di Sabato, contro i Millers, è stata decisamente una di quelle, per le Bees.
I nostri hanno attaccato per 90', rischiando di segnare in una miriade di occasioni, senza mai riuscirci.
Di contro, il goal che ha deciso l'incontro è arrivato al termine di un'azione in cui la complicità della nostra difesa si è fatta sentire. 
Un vero peccato, specie alla luce delle belle trame di gioco messe in mostra. Il centrocampo sembra aver trovato un equilibrio invidiabile, con Yennaris a fare da metronomo nella mediana biancorossa.
Da non sottovalutare anche l'ottimo utilizzo delle fasce, con un Colin apparso in grande spolvero e capace di snocciolare ottimi cross.
Rimane, dunque, l'amarezza per la sconfitta, ma, di pari passo, vi è grande soddisfazione per i progressi che il gruppo sta mostrando, partita dopo partita.

UP THE BEES!







Il manager Dean Smith, ai microfoni del Bees Player, ha manifestato tutta la sua amarezza per una gara giocata in maniera ottimale, ma che ha fruttato 0 punti.
"Penso che la squadra abbia avuto il completo controllo della gara" - ha esordito.
"Li abbiamo messi in difficoltà più volte, senza mai riuscire a sfruttare del tutto le opportunità capitateci.
Siamo ancora qui a chiederci come abbiamo fatto a non vincerla. La squadra migliore ha perso, ma è un qualcosa che nel calcio accade; non posso che applaudire alla performance dei ragazzi".

http://www.bbc.com/sport/football/37067355
http://www.brentfordfc.co.uk/news/article/2016-17/dean-smith-reflects-on-brentfords-1-0-defeat-to-rotherham-united-3261438.aspx

mercoledì 17 agosto 2016

Brentford - Nottingham Forest 1-0: vittoria importante, contro un avversario importante



Seconda vittoria consecutiva, contro un avversario sempre imprevedibile e crisi - ammesso che ci sia mai stata - definitivamente scacciata.
Ad aggiungere sapore alla bella vittoria di ieri sera, ci sono, inoltre, ingredienti non da poco, quali il secondo clean sheet consecutivo, segno di una solidità difensiva che va ritrovandosi, e un gioco bello e razionale, perfetto in una categoria quale la Championship.
Se, poi, ci aggiungiamo che la vittoria di ieri, essendo la quarta consecutiva tra le mura amiche, permette di eguagliare il record stabilito nel 1951, possiamo affermare che il quadro venga completato a meraviglia.
Mattatore della serata è stato Scott Hogan, calciatore dall'ottima vena realizzativa - sette goal nelle quattro partite finali della scorsa stagione - che, finalmente, sembra essersi nuovamente sbloccato.
I suoi goal saranno determinanti nel prosieguo della stagione, c'è da giurarci.
Sabato si va a Rotherham, ad affrontare una squadra che non ha cominciato la stagione nel migliore dei modi, ma che, nel proprio stadio, risulta sempre rognosa. L'ultima volta, al New York Stadium, i Millers ci hanno battuto 2-1. Era il 27/02 e le Bees avevano cominciato una preoccupante fase calante.
Siamo sicuri che, fra tre giorni, sarà tutta un'altra storia!

UP THE BEES!





Al termine del match, un soddisfatto Dean Smith ha espresso ai microfoni del Bees Player le proprie riflessioni.



"Ogni vittoria ottenuta è importante", ha esordito.
"Penso che abbiamo cominciato nel modo migliore entrambe le frazioni di gioco, dominando la scena per i primi 15', ma andando un po' in difficoltà dopo, a causa degli ottimi giocatori che il Forest può vantare.
In alcuni frangenti siamo andati in confusione e loro hanno creato dei pericoli.
Abbiamo giocato un po' superficialmente, ma abbiamo saputo riprenderci al meglio.
Negli ultimi minuti abbiamo rischiato grosso, ma, fortunatamente, Bentley è stato providenziale".

http://www.bbc.com/sport/football/37017834
http://www.brentfordfc.co.uk/news/article/2016-17/dean-smith-on-brentfords-win-over-nottingham-forest-3253735.aspx


domenica 14 agosto 2016

Brentford - Ipswich Town 2-0: vittoria e prestazione convincenti



Se era una reazione ciò che il manager Dean Smith aveva chiesto ai suoi, dopo le brutte prestazioni contro Peterborough ed Exeter City, possiamo affermare, senza ombra di dubbi, che potrà  ritenersi soddisfatto.
Infatti, a parte i tre punti ottenuti contro un avversario di primissimo livello - una delle candidate alla promozione in Premier, per intenderci - le Bees hanno messo in campo una prestazione di carattere, mostrando giocate di ottima fattura e rischiando, nel finale, di rendere il risultato ancora più rotondo e squillante. 
Elemento da non sottovalutare è anche l'ottima prestazione della difesa, finalmente, imbattuta ed in grado di gestire le poche manovre che i Tractor Boys sono stati in grado di costruire.
Si è visto un bel Brentford, insomma; una squadra sbarazzina e capace di divertire e divertirsi, oltre che di difendere con ordine la propria porta.
Uomo del match è stato, senza ombra di dubbio, John Egan. Il difensore irlandese, oltre ad aver disputato un'ottima gara in retroguardia, ha anche messo a segno le due marcature che hanno deciso la gara. Pensiero personale, ci sono tutti i presupposti per pensare che il ragazzo di Cork stia per diventare un giocatore chiave, per la nostra squadra.
Dopodomani sera, si scenderà di nuovo in campo. A Griffin Park, è atteso il Forest, squadra che ha iniziato il campionato in maniera, piuttosto, indecifrabile. L'obiettivo, naturalmente, è confermare quanto di buono visto ieri sera.
Se giochiamo come sappiamo, nulla ci è precluso.

C'MON BEES!




Al termine della gara, il manager Dean Smith si è detto soddisfatto della vittoria, ma ha sottolineato la assoluta necessità di continuare a lavorare, al fine di raggiungere la condizione ottimale.




"Penso che, nei primi 25', ci siamo rilassati troppo, non gestendo al meglio la palla", ha esordito ai microfoni del Bees Player. "Tuttavia, abbiamo concluso al meglio il primo tempo, con Lewis MacLeod che ha fallito una grande occasione", ha continuato.
"Il primo goal ci ha dato molta convinzione. Siamo riusciti a mostrare qualche giocata davvero interessante, ma c'è tanto da fare e da lavorare. 
Il goal ha trasmesso fiducia ai ragazzi e, nello spogliatoio, ho detto loro che costituiscono una buona squadra di Championship e che, qualche volta, devono solo credere maggiormente in sé stessi".

Ai microfoni del Dons Player ha parlato anche Lewis MacLeod. Il centrocampista scozzese, arrivato nel Gennaio 2015, dai Rangers, si è detto felice del suo esordio a Griffin Park, dopo il personale periodo nero, durato 18 mesi: "Sono felice di questo debutto.




Penso che la squadra abbia giocato benissimo. Abbiamo battagliato su tutto il campo e vinto ogni contrasto.
Abbiamo lavorato su una serie di situazioni frequenti.
So che si tratta, solamente, della seconda partita, ma è stato bello assistere a questa tipologia di lavoro. Sono cose a cui abbiamo lavorato nelle varie sessioni d'allenamento ed è bello che siano riuscite in partita.
Dopo il primo goal, abbiamo acquisito molta fiducia e siamo riusciti a far girare meglio il pallone".
Il ragazzo ha, poi, parlato dei 18 mesi in cui è rimasto fermo a causa del tremendo infortunio che lo ha tenuto lontano dal rettangolo di gioco. "E' stato un periodo lunghissimo, ma, ora, voglio dare il massimo. La gara di oggi costituisce, probabilmente, il minutaggio maggiore che ho messo tra le gambe da parecchio tempo.
Mi sono sentito molto meglio, oggi. 
L'ovazione ricevuta a fine gara ha costituito una grande emozione".

http://www.bbc.com/sport/football/36994036
http://www.brentfordfc.co.uk/news/article/2016-17/dean-smith-on-brentfords-win-over-ipswich-town-3246352.aspx
http://www.brentfordfc.co.uk/news/article/2016-17/lewis-macleod-on-brentfords-2-0-win-over-ipswich-town-3246605.aspx

mercoledì 10 agosto 2016

Exeter City - Brentford 1-0: fuori al primo turno di League Cup, al termine di una gara davvero negativa


Un Brentford troppo brutto per essere vero esce al primo turno di League Cup sul campo dell'Exeter City, al termine di una gara decisa solo ai tempi supplementari, da un goal di Harley.
I 90' sono stati davvero brutti e tirati, vedendo, da un lato, un club, l'Exeter, abilissimo nel difendersi e ripartire, e, dall'altro, un Brentford apatico, quasi abulico, incapace, comunque, di creare il benché minimo pericolo alla porta dei Grecians.
Nota simpatica della gara è stato l'esordio, tra le fila degli avversari, di Ethan Ampadu, 15 anni, 10 mesi e 26 giorni, nuovo detentore del titolo di esordiente più giovane, nella storia del calcio inglese e gallese. Figlio d'arte (il papà, Kwame, ha militato tra le fila del WBA e dello Swansea), il ragazzo ha giocato gli interi 120', rimendiando una figura decisamente positiva.
Quanto alle nostre Bees, questa seconda sconfitta, su due partite ufficiali disputate, solleva qualche interrogativo. Come detto dopo la gara persa ad Huddersfield, è decisamente presto per trarre delle conclusioni; tuttavia, la sensazione che questa ennesima rivoluzione all'interno dell'organico (cinque partenze e cinque arrivi) non gioverà ai risultati, almeno in questa fase iniziale della stagione. Se consideriamo, poi, che tra i partenti, non adeguatamente sostituiti, sono stati elementi fondamentali quali Gogia, Button, O'Connell, Bidwell, risulta chiaro come le preoccupazioni potrebbero essere tutt'altro che infondate.

C'MON BEES!







Al termine della gara, un tutt'altro che soddisfatto Dean Smith ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: "Dispiace essere fuori dalla Coppa, in quanto penso che la squadra abbia avuto il controllo della gara.
Sfortunatamente, a decidere la gara è stato un singolo goal e non lo abbiamo segnato noi.
Nonostante il predominio, non siamo mai riusciti ad impegnare il loro portiere, ma, allo stesso tempo, anche Bonham non ha dovuto compiere un solo intervento importante.
La battaglia si è combattuta a centrocampo, senza che si sia riusciti a creare i giusti spazi.
Questo è un qualcosa che dobbiamo imparare a fare bene, in particolar modo negli ultimi trenta metri".
Anche il Capitano, Harlee Dean, ha detto la sua, al termine della sfortunata gara al St. James Park.
"Non siamo stati abbastanza bravi", ha esordito. "Non siamo stati in grado di creare opportunità e di impegnare il loro portiere.
In difesa siamo stati solidi. Tuttavia, non aver creato occasioni da goal contro una squadra di League Two, rende la nostra prestazione, decisamente, insufficiente.
Noi militiamo in Championship e loro in League Two e c'è un motivo per tutto ciò.
Avremmo dovuto vincere agevolmente e ne siamo consapevoli. Ci scusiamo con chiunque abbia viaggiato al nostro seguito. Ciò che è accaduto questa sera non è accettabile".

http://www.bbc.com/sport/football/36949680
http://www.brentfordfc.co.uk/news/article/2016-17/dean-smith-on-brentfords-efl-cup-defeat-to-exeter-city-3237662.aspx
http://www.brentfordfc.co.uk/news/article/2016-17/harlee-dean-on-brentfords-efl-cup-defeat-to-exeter-city-3237741.aspx